gwcached,7 gwcached,7
Garraffa Costantino
Costantino Garraffa
scrivi a Costantino Garraffa

Vicepresidente Commissione Industria, commercio, turismo
Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali, anche straniere
E’ laureato in Scienze Politiche – Studi Internazionali.
Tra i protagonisti del movimento studentesco dei primi anni Settanta, continua il suo impegno politico nella Confesercenti di Palermo, divenendone il Segretario provinciale, componente della Direzione Nazionale.
Tramite l'impegno in Confesercenti entra a contatto con la realtà di Piana degli Albanesi, in special modo con gli esercenti delle comunità.
Ideatore del primo telefono antiracket, dopo aver conosciuto in vita l’imprenditore Libero Grassi, costituisce e presiede “Sos Impresa Palermo”, prima associazione antiracket e antiusura, che si presenta parte civile nei processi contro estortori e usurai.
Nel 1994 è eletto Consigliere comunale di Palermo, viene riconfermato nel 1998 ed eletto Presidente del Consiglio del capoluogo dell’isola.
Sotto la sua guida il Consiglio, dal 1998 al 2002, raggiunge notevoli traguardi di operosità e si distingue per l’iniziativa “Un Consiglio fuori dal Comune”, portando l’assise di Sala delle Lapidi a riunirsi nei luoghi simbolo della città: via Notarbartolo (albero Falcone), via D’Amelio (strage Borsellino), ma soprattutto nei posti di lavoro come la Fincantieri, e nella periferia, a Borgo Nuovo e Brancaccio, nei luoghi vicini a don Pino Puglisi.
Nel 2001 viene eletto al Senato e riconfermato nelle due successive tornate elettorali. Nel 2010 è tra i fondatori della “Rete per la Legalità”, che riunisce una serie di associazioni del territorio italiano, tra le quali quelle che si occupano di lotta al racket delle estorsioni e all’usura, ma soprattutto di promuovere l’impegno, all’interno delle istituzioni, per l’affermazione della legalità come valore di vita e di percorso politico.
gwcached,7
gwcached,7