gwcached,7 gwcached,7
Commissione 01 - Affari costituzionali - Comunicato stampa
13 marzo 2013

governo

Ceccanti: Idea parlamento governante è alibi

"Nessuno sfugga a indicare soluzioni di governo"

"Da qualche giorno alcuni esponenti del Movimento Cinque Stelle, per deresponsabilizzarsi rispetto all'obiettivo necessario e urgente di dar vita a un governo del Paese, stanno cercando di sostenere la tesi assemblearista del Parlamento governante, in grado di procedere comunque nella sua attività, surrogando il Governo. Questa tesi non regge né dal punto di vista teorico né da quello pratico. Parlamento e Governo in una forma parlamentare (e non presidenziale) non sono affatto rigidamente separati, sono corresponsabili dell'indirizzo politico. Come immaginare decisioni significative che non vedano entrambi nella pienezza dei poteri, anche perché avrebbero ricadute sul bilancio e sulla credibilità europea e internazionale? O si pensa di sopravvivere con la microlegislazione?"- Lo dice ils enatore del Pd Stefano Ceccanti.
"L'articolo 94 con la centralità del rapporto fiduciario - prosegue Ceccanti - non può essere messo tra parentesi, anche perché, tra qualche settimana, in assenza di soluzioni, si dovrebbe procedere necessariamente prima possibile allo scioglimento anticipato.
Ma anche dal punto di vista pratico, si possono immaginare indirizzi efficaci senza un accordo di coalizione che li supporti, procedendo volta per volta con maggioranze variabili e fatalmente contraddittorie, anche tra una Camera e l'altra, su articoli ed emendamenti?
I costituenti vollero appunto, tra le loro priorità, razionalizzare il rapporto fiduciario, prevedendo anche la motivazione della fiducia, per evitare che si ripetessero le degenerazioni assembleari del periodo pre-fascista. Nessuno sfugga al dovere di indicare soluzioni praticabili di Governo. Il mito dell'assemblea governante può essere solo un alibi provvisorio".


tag
governo   ceccanti   crimi  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7