gwcached,6 gwcached,6
Commissione 12 - Sanità - Comunicato stampa
15 febbraio 2013

Sanità/Idi

Ignazio Marino: Per salvare Idi serve piano credibile e condanna dei responsabili

"Dai bilanci dell'IDI è stata sottratta una somma superiore a 500 milioni di euro. La Commissione d'inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale si è occupata della drammatica vicenda dell'istituto di ricovero e cura a carattere scientifico con numerose audizioni. In una di esse l'allora Commissario ad acta per la sanità nella Regione Lazio, Enrico Bondi, ha segnalato un contenzioso tra l'Istituto Dermopatico dell'Immacolata e la stessa Regione per un ammontare di circa 152 milioni di euro a causa di un meccanismo di doppia fatturazione. Insomma, vi sono responsabilità amministrative gravissime che devono essere riconosciute e perseguite e che hanno condotto alla rovina un polo di eccellenza della sanità.
La richiesta di aiuto della Congregazione dei Figli dell'Immacolata Concezione è un bene, ma è anche l'ennesimo segnale di una situazione insostenibile che danneggia i pazienti e determina una intollerabile incertezza per medici, infermieri e tecnici da mesi senza stipendio. Per salvare la struttura dal fallimento serve un piano di sviluppo delle attività ospedaliere concreto e credibile. Ho già spiegato che quello proposto agli operatori sanitari non offriva le opportune sicurezze e tagliava 500 professionalita` cancellando altrettanti posti di lavoro. Si parlava di creare nuovi reparti, ma non si prevedeva alcun investimento in settori come la dermatologia o in altri settori cruciali come la chirurgia plastica e vascolare, per cui l'IDI rappresenta il polo di riferimento per tutto il centro e sud Italia".



tag
sanità  
condividi
gwcached,6
gwcached,6
gwcached,6