Seguici su Facebook e Twitter    
20 dicembre 2012  
Continuare con il rigore,
ma ora servono crescita e più equità
di Anna Finocchiaro e Mauro Agostini

Il gruppo del Pd al Senato ha votato sì con responsabilità alla legge di stabilità, con la consapevolezza che si tratta di un pezzo dell'inevitabile battaglia che l'Italia sta ancora combattendo per il rigore e per ripianare il debito pubblico, ma che c'è ancora molto da fare sul piano dell'equità sociale, della crescita e delle riforme strutturali.
La legge di stabilità contiene importanti misure come quelle che riguardano gli ammortizzatori sociali, il fondo sociale, la tobin tax, gli Enti locali.
Siamo soddisfatti del lavoro che, come Pd, abbiamo svolto in Senato e che, in particolare sugli ammortizzatori sociali, ha portato a raddoppiare il fondo a vantaggio della serenità di molte famiglie e per i Comuni ha condotto alla sensibile riduzione dei tagli e all'allentamento del patto di stabilità, incontrando le richieste dell'Anci e dei sindaci.
Sappiamo che su altri temi e problemi molto di più si doveva e si dovrà fare, e mi riferisco in particolare all'università, che ha ottenuto solo un parziale ripianamento del fondo ordinario di finanziamento e che purtroppo credo avrà gravi difficoltà senza ulteriori interventi.
Tanta austerità sarà infatti fine a se stessa senza se non si penserà allo sviluppo. Serve un mix di rigore e sviluppo che si basi su tre pilastri di riforma. Riforma della spesa pubblica poiché il debito pubblico è cresciuto in maniera inesorabile da 25 anni a questa parte; riforma delle condizioni e degli ambiti per lo sviluppo, dove l'Europa è l'opportunità. La terza inevitabile riforma è quella dello spirito pubblico che significa lotta all'evasione e alla corruzione, impegno per la legalità. Chi saprà portare avanti queste riforme, vincerà la sfida dei prossimi anni.
L'Italia ha energie positive ma dobbiamo lavorare molto sul versante della finanza pubblica che deve essere garanzia dello sviluppo di imprenditori piccoli, grandi e medi che vogliono affrontare la sfida della competitività e non della raccomandazione.

In primo piano

LEGGE DI STABILITA'

- Legnini: "Su sociale e enti locali è stato fatto molto"
- Agostini: "Pd vota sì ma c'è ancora molto da fare"
- Sale da poker? Notizia infondata
- Barbolini, Ghedini: "Soddisfazione per ok a emendamento salva buste paga"
- Senatori PD Emilia: "Bene misure per terremoto chieste da Regione e imprese"
- Della Monica: "Su legalità e giustizia interventi importanti"
- Franco: "Università non può essere priorità solo a parole"
- Del Vecchio: "Ripristinata l'intangibilità delle pensioni di guerra"
- Vita: "Proroga divieto incroci stampa televisioni è boccata d'ossigeno"
- Rusconi: "Governo non risponde adeguatamente a crisi gravissima università"
- Carloni: "Bene istituzione fondo rotazione per Regioni"
- Senatori Pd: "Importante risultato per turn over Forze dell'Ordine"
- Vitali: "Pdl e Lega bloccano unica seria trasformazione istituzionale"
- Pignedoli e Andria: "Bene proroga società agricole"
- Ignazio Marino: "Inserita proroga su ludopatie, ho presentato emendamento per cancellarla"
- Della Monica: "Su legalità e giustizia interventi importanti"
- Ghedini: "Bene ok su congedi parentali a ore"
- Della Seta, Ferrante: "Ancora il condono, irresponsabile tentativo in extremis di Giovanardi"
- Pinotti: "In arrivo importanti novità per Genova e Liguria"
- Scanu: "Significativo risultato per lavoratori del comparto sicurezza"
- Passoni: "Grande soddisfazione per ok a emendamento salva Tetra"
- Andria: "Approvati due emendamenti per settore agricolo su ricerca e tutela dei lavoratori"
- Antezza: "Significativo risultato per turn over comparto sicurezza"

ILVA

- Tomaselli: "Ora tempi certi per le misure previste dal decreto"
- Della Seta, Ferrante: "Decreto migliorato, ma norma generale inaccettabile"


In Senato questa settimana

Approvati la legge di stabilità, il decreto sull'Ilva, il disegno di legge sull'attuazione del principio del pareggio di bilancio in Costituzione.
- Morando: "Legge fondamentale anche se non esente da gravi difetti"

L'aula si è espressa sull'insindacabilità delle opinioni del sen. Gasparri.

Rinviato in Commissione il ddl sulle pene alternative al carcere.
- Finocchiaro: "Non approvare ddl è fallimento della politica"
- Marcenaro: "Destra garantista a parole e forcaiola nei fatti"
- Della Seta, Ferrante, Ranucci: "In aula si consuma baratto politico"


Approvata la riforma della professione forense.
- Chiurazzi: "Approvazione legge ottimo risultato"
- Della Monica: "Bene su riforma forense, meno su carcere"



In Senato la prossima settimana

La Presidenza, le senatrici e i senatori del Gruppo del Pd augurano un 2013 di crescita e solidarietà