Seguici su Facebook e Twitter    
7 dicembre 2012  
L'Italia non può pagare
le incertezze di Berlusconi
di Anna Finocchiaro

Non permetteremo che il Pdl usi questo ultimo scorcio di legislatura per mettere in scena la fiera delle vanità provocando gravissimi danni al Paese, non permetteremo che le prossime settimane vengano trasformate in un Vietnam parlamentare.
Col passaggio all'astensione rispetto al governo, il Pdl lo stia ricattando. Alle prese con una rissa interna e l’incapacità di governarla, il Pdl sta scaricando sul Paese la propria irresponsabilità.
E di questo dovrà rispondere agli italiani.
Non ci sono tensioni tra i partiti. Le tensioni sono nel e del Pdl. Sono loro che minacciano il governo.
Noi vogliamo chiarezza sul sostegno al governo da parte del Cavaliere e del suo partito. E Berlusconi scenda pure in campo se vuole.
Noi non abbiamo paura. Quello che non possiamo accettare oggi è che di fronte alle incertezze di un uomo si metta a rischio la stabilità e la credibilità dell’Italia.
Oltre al rischio-mercati, c'è quello che il Pdl sia tentato di avviare una campagna elettorale demagogica e populista per cercare di far dimenticare che sono stati loro a portarci sull’orlo del baratro.
Loro sono stati la malattia, non possono essere la medicina per il Paese.
Noi del Pd siamo qui e ribadiamo la nostra lealtà al governo fino alla conclusione della legislatura.
Voteremo i provvedimenti senza rinunciare ad apportare quei miglioramenti che riteniamo necessari, come ha ribadito il segretario Bersani durante il suo incontro con Monti.
Quello che non permetteremo è di trasformare in Vietnam queste ultime settimane.
In primo piano

CRISI GOVERNO
- Zanda: "Una scelta irresponsabile ordinata da Berlusconi"
- Chiti: "Pdl sia trasparente, non ferisca istituzioni"
- Follini: "L'istinto di Berlusconi stavolta può essergli fatale"
- Vita: "Gli amici di Segrate puntano La7"
- Adamo: "Crisi è tributo Pdl a Lega, fortino è la Lombardia"

DECRETO SVILUPPO
- Zanda: Correggere norma su obbligo pneumatici da neve
- Passoni, Ghedini: "Su pensione dirigenti e mobilità norme inique da cambiare"
- Armato: "Si poteva fare di più"
- Marcucci: "Proroga piccolo passo avanti"
- Bubbico: "E' il decreto delle occasioni mancate"
- Casson: "Su Arsenale Venezia in azione pantegane legalità"
- Pinotti: "Proroga balneari serva per modificare direttiva Bolkestein"
- Mercatali: "Proroga a 5 anni è un sollecito al governo per riaprire le trattative con l'Ue"
- Sangalli: "Pd vota sì ma si sarebbe potuto fare di più"

LEGGE STABILITA'
- Legnini: "Necessarie modifiche su punti qualificanti"
- Bassoli: "Forte preoccupazione per tagli insostenibili dal SSN"
- Granaiola: "No a tagli lineari su SSN"
- Barbolini: "Inserire ddl cartelle pazze"

In Senato questa settimana

Approvato il decreto Sviluppo.
Voto favorevole sul decreto sul funzionamento degli enti locali e sugli interventi per le zone terremotate.
- Mercatali: "Aiutiamo Paese a non morire di burocrazia" - 4 senatori Pd Emilia non partecipano voto di fiducia




In Senato la prossima settimana

In calendario il decreto sulle Province e la legge elettorale.
- Ceccanti: "Il Cav blocca tutto"