gwcached,7 gwcached,7
Commissione 03 - Esteri - Interrogazioni
28 novembre 2012

Afghanistan

Senatori Pd presentano un'interrogazione su conseguenze attentato e sicurezza ong italiane

"Il governo riferisca su sviluppi della missione in Afghanistan e se vi sia stato un cambiamento del quadro in cui opera il contingente italiano che metta a rischio la sicurezza delle ong italiane che operano nel Paese".
E' quanto chiedono i senatori del Partito Democratico Mariapia Garavaglia, Alfonso Andria, Teresa Armato, Pinotti ed altri attraverso un'interrogazione ai ministri Terzi, Di Paola e Riccardi dopo l'attentato a Maidan Sharan che ha coinvolto la ong italiana Emergency.
"Un attentatore suicida ha causato la morte di almeno tre persone, il ferimento di altre 60 e la distruzione di un pronto soccorso della ong italiana Emergency nella provincia afgana di Maidan Wardak - scrivono i senatori pd - L'ong ha indicato che la deflagrazione ha provocato la distruzione della struttura sanitaria destinata all'assistenza delle emergenze e il ferimento di due membri del personale infermieristico. Sempre secondo Emergency, 24 feriti, di cui 4 bambini, sono stati portati all'ospedale dell'ong di Kabul. Uno dei bambini è giunto morto, dieci feriti sono stati operati, gli altri sono stati dimessi dopo le medicazioni".
"In Afghanistan sono presenti anche altre organizzazioni italiane impegnate in programmi della Cooperazione italiana - si legge ancora nell'interrogazione - che opera per migliorare concretamente le condizioni di vita delle popolazioni con interventi a breve, medio e lungo termine finalizzati soprattutto al sostegno diretto delle comunità. Pertanto chiediamo di sapere quali elementi e informazioni - concludono i parlamentari - disponga il Governo in merito alle condizioni di sicurezza in cui operano le ong italiane e e quale contributo fornisca la missione italiana alla sicurezza degli operatori umanitari in Afghanistan".


tag
afghanistan  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7