gwcached,7 gwcached,7
Commissione 12 - Sanità - Interrogazioni
26 novembre 2012

Sanità - interrogazione al ministro della Salute

Bassoli: Governo ripristini fondi a sostegno malati malattie reumatiche

"La gravità delle malattie reumatiche e il loro costo sociale devono prevedere una risposta concreta da parte del governo. E' per questo che chiediamo un impegno concreto economico, finanziario e normativo, affinché le patologie reumatiche e le reti reumatologiche, nel rispetto dell’autonomia delle competenze regionali, siano parte integrante della proposta del Ministero della Salute per il riparto dei fondi sanitari per l’anno 2012, e in particolare delle linee progettuali per l’utilizzo da parte delle Regioni delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale 2012". Lo afferma la senatrice Fiorenza Bassoli, capogruppo Pd in commissione Sanità, in una un'interrogazione rivolta al ministro Balduzzi.
"In Italia - ricorda Bassoli - sono complessivamente oltre 8 milioni le persone che soffrono di malattie reumatiche con notevoli costi sociali per l'assistenza socio-sanitaria. La spesa per le patologie reumatiche croniche, infatti, supera i 4 miliardi di euro l’anno e quasi la metà,1 miliardo e 739 milioni, è rappresentata dalla perdita di produttività per circa 287 mila lavoratori malati. E' quindi indispensabile che il Governo e le Regioni adottino azioni concrete per garantire la diagnosi precoce, la presa in carico, l’integrazione degli interventi, l’appropriatezza delle prestazioni, nonché l’equità di accesso alle cure e in particolare ai farmaci biologici".
"In questo contesto - precisa la senatrice nel documento - si inseriscono gli impegni presi dalla Commissione Sanità del Senato che, ha conclusione dell’indagine conoscitiva sulle malattie ad andamento degenerativo tra cui le malattie reumatiche croniche, ha approvato un documento che insiste sulla necessità di affrontare in modo razionale, continuativo e soprattutto equamente distribuito su tutto il territorio nazionale le problematiche legate alle patologie reumatiche. Così come il Piano Sanitario Nazionale per il triennio 2011-2013, approvato con Intesa del 22 settembre 2011 prevede tra le cosiddette “patologie rilevanti le malattie reumatiche croniche. E,da sottollineare, la forte mobilitazione di Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici- Cittadinanzattiva e ANMAR.
"Purtroppo nella proposta di riparto dei fondi del Ministero della Salute inerente ai fondi sanitari per l’anno 2012, non c'è traccia di linee progettuali e relativi stanziamenti a favore delle patologie reumatiche croniche, con particolare riferimento all’istituzione delle reti reumatologiche".
"Siamo fiduciosi in un'azione del governo che recuperi celermente questa grave manchevolezza e si adoperi per stanziare fondi idonei a favore dei molti malati e di chi li assiste, noi ci batteremo per questo", conclude Fiorenza Bassoli.

Segue testo interrogazione
premesso che

in Italia sono complessivamente oltre 8 milioni le persone che soffrono di malattie reumatiche, di queste la maggior parte è affetta da forme artrosiche, e circa 734.000 pazienti sono colpiti da forme croniche particolarmente gravi ed invalidanti quali: artrite reumatoide, spondilo artropatie, vasculiti e connettiviti, malattie particolarmente temibili per il coinvolgimento di organi interni come cuore, rene, polmoni, nervi, vasi, cervello etc. Tali malattie colpiscono soggetti rientranti in tutte le fasce di età e in tutte le fasce sociali con una maggiore incidenza nelle donne in età fertile;
i costi dell’assistenza socio-sanitaria rappresentano, come noto, una seria minaccia per l’economia complessiva del nostro Paese. La spesa per le patologie reumatiche croniche supera i 4 miliardi di euro l’anno e quasi la metà - 1 miliardo e 739 milioni - è rappresentata dalla perdita di produttività per circa 287 mila lavoratori malati;
ventitre milioni di giornate di lavoro perse ogni anno e quasi 2 miliardi di euro di mancata produttività sono i costi che gravano pesantemente sulla collettività e sul bilancio dello Stato in termini di spesa sociale e/o di minori entrate per tasse sulla produzione di reddito, che derivano dalla scarsa attenzione alle malattie reumatiche;
e’ indispensabile, al fine di migliorare la qualità della vita delle persone con patologie reumatiche e per razionalizzare l’impatto sulle risorse dei sistemi sanitari regionali, che il Governo e le Regioni adottino quanto prima azioni concrete volte a garantire la diagnosi precoce, la presa in carico, l’integrazione degli interventi, l’appropriatezza delle prestazioni, nonché l’equità di accesso alle cure e in particolare ai farmaci biologici;
l’Artrite Reumatoide era già presente nel PNP 2010 - 2012 siglato il 29 aprile 2010 nella Conferenza Stato-Regioni, nella sezione 4, area dedicata alla “Prevenzione nella popolazione a rischio”, capitolo 4.6 nell’ambito delle malattie osteo-articolari;
la 12^ Commissione Permanente Igiene e Sanità del Senato della Repubblica, ha approvato, nella seduta dell’8 marzo 2011, il Doc. XVII n° 9, a conclusione dell’indagine conoscitiva sulle malattie ad andamento degenerativo di particolare rilevanza sociale, con specifico riguardo anche alle malattie reumatiche croniche, in cui si pone l’accento sulla necessità di affrontare in modo razionale, continuativo e soprattutto equamente distribuito su tutto il territorio nazionale le problematiche legate alle patologie reumatiche;
il Piano Sanitario Nazionale per il triennio 2011-2013, approvato con Intesa del 22 settembre 2011 prevede tra le cosiddette “patologie rilevanti” le malattie reumatiche croniche;
nella proposta di riparto da parte del Ministero della Salute inerente ai fondi sanitari per l’anno 2012, e in particolare della parte relativa alle linee progettuali per l’utilizzo da parte delle Regioni delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale 2012, vi è la totale assenza nei relativi atti di linee progettuali e relativi stanziamenti a favore delle patologie reumatiche croniche, con particolare riferimento all’istituzione delle reti reumatologiche;
per sapere
quali misure urgenti, sia di carattere economico-finanziario sia di ordine normativo, il Governo intenda assumere, nel rispetto dell’autonomia delle competenze regionali, affinché le patologie reumatiche e le reti reumatologiche siano parte integrante della proposta del Ministero della Salute inerente il riparto dei fondi sanitari per l’anno 2012, e in particolare delle linee progettuali per l’utilizzo da parte delle Regioni delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale 2012.



tag
sanità  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7