gwcached,7 gwcached,7
Commissione Bicamerale Infanzia - Documenti generici
15 novembre 2012

Infanzia

Mozione Pd sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Il Senato,
premesso che:
l'affermazione di una moderna cultura dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza è stata ed è tuttora non scontata. Incontra ostacoli, contraddizioni, ambiguità ed indifferenza. Alcuni diritti fondamentali sono stati o attaccati direttamente, o elusi, o svuotati del loro significato più profondo;
in questi ultimi anni è stato messo in atto un approccio punitivo, in particolare nei confronti dei bambini stranieri che vivono nel nostro paese;
sono state innumerevoli le battaglie in Parlamento, nei Comuni, nelle Province e nelle Regioni per tutelare i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, a partire dai casi di disabilità, disagio, abbandono, abuso e dai vari tipi di discriminazione;
l'Italia è rimasta priva per molti anni del " Piano nazionale di azioni e di interventi per la tutela dei diritti e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva" e quello approvato il 22 luglio 2010, é carente sotto diversi aspetti: manca l'innovativo impianto metodologico che caratterizzava la versione precedente, sono stati tolti dalla Premessa i riferimenti al principio di non discriminazione e al principio delle pluralità della vita familiare e non sono state previste risorse certe per la sua attuazione;
in sostanza oggi, dopo le modifiche del titolo V della Costituzione, la mancata scrittura dei LIVEAS, necessari per l'attuazione della legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali) la drastica riduzione del Fondo Infanzia, tranne nella parte dedicata alle città riservatarie pari al 15% e la natura meramente programmatica del Piano nazionale di azione, non permettono di attuare a livello regionale la legge 27 maggio 1991, n. 176 che ratifica a livello nazionale la Convenzione ONU su diritti dell'infanzia;
l'azione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza, previsto dalla legge n. 112 del 2011, ha subito dei rallentamenti iniziali, dovuti alle lungaggini burocratiche per l'approvazione del relativo Regolamento;
secondo recenti dati del Ministero dell'Economia, l’Italia è agli ultimi posti dei Paesi dell'Unione europea per la spesa per la famiglia e l’infanzia: si spende l'1,2% del prodotto interno lordo, uno dei livelli più bassi, rispetto al resto d'Europa dove si spende decisamente di più (2,1% nella Ue a 15 e 2,0% nella Ue a 27);
secondo il Rapporto OCSE del 12 settembre 2012, l'’Italia investe il 4,7% del proprio Pil in istruzione contro una media Ocse del 5,8%. Nel corso degli anni la quota di Pil investita in questo settore è solo leggermente aumentata nel nostro Paese, mentre è calata, fra il 2000 e il 2010, la percentuale di spesa pubblica destinata all’istruzione che è passata dal 9,8% al 9%;
un'ulteriore preoccupazione viene dai dati sul tasso di abbandono scolastico diffusi dall’ISTAT il 12 marzo 2012: se il 13% dei giovani italiani lascia la scuola per il lavoro, il dato sale a più del 40% per i giovani stranieri;
per quanto riguarda la povertà minorile, secondo gli ultimi dati ISTAT in l’Italia ci sono 2 milioni e 734 mila famiglie povere, di cui 1 milione e 829 mila nel Sud. Se le persone povere sono 8 milioni e 272, pari al 13,8% della popolazione, i minori poveri sono 1 milione 876 mila, il 18,2% di tutti i minori! Secondo i parametri dell’UE, i bambini e ragazzi del nostro Paese a rischio di povertà sono il 24,4% del totale, il tasso più elevato della UE. E, anche qui, il 70 % dei bambini e adolescenti poveri vive nel Mezzogiorno: 1 milione 266 mila persone in crescita, un terzo dei minori di anni 18 che vivono nel nostro Sud;
secondo più recenti dati presentati da Save the Children il 5 maggio 2012, il 22,6% dei bambini è a rischio povertà, quasi 1 su 4, con uno spread rispetto agli adulti dell’ 8,2%, uno dei più alti in Europa. Tra i più colpiti, i bambini con un solo genitore - quasi 1 su 3 in povertà - e i figli delle giovani coppie, dove il rischio povertà colpisce quasi 1 minore su 2;
secondo l'ultima elaborazione Eurostat la quota di minori usciti dalla soglia del rischio grazie all’intervento pubblico è salita dal 3% del 2009 al 3,8% del 2010 - meno di 40 mila bambini e ragazzi - un dato assai lontano da quello di Inghilterra (14,5%), Francia (13,5%) o Germania l’11,1%, dove i trasferimenti sociali riescono ad allontanare dalla soglie di povertà un numero tre-quattro volte maggiore di bambini;
per avere poi un'idea della costante riduzione dei finanziamenti che il nostro Paese destina a famiglie, infanzia e maternità, basta guardare all'esaurimento del Fondo nazionale delle politiche sociali passato da 1 miliardo di euro nel 2007 a 45 milioni nel 2013 mentre il Piano nazionale dell’infanzia, approvato con anni di ritardo, non è stato finanziato e rimane integralmente sulla carta;
oltre alle limitate e inefficaci risorse, la spesa e i servizi per l’infanzia segnalano grandi differenze di standard e qualità, a seconda delle regioni. Basta guardare agli asili nido: in Emilia Romagna ne usufruiscono il 29,5% dei bimbi tra 0 e 2 anni. Seguono Umbria (27,7%), Valle D’Aosta (25,4%) a cui fanno da contraltare la Campania, in fondo alla lista con il 2,7% dei bambini presi in carico dai nidi pubblici, o la Calabria, con il 3,5%.
l'ultimo rapporto ISTAT sull’offerta dei servizi socio educativi per la prima infanzia rileva che per quanto riguarda gli asili nido, nonostante l'ampliamento dell'offerta pubblica, la quota di domanda soddisfatta è ancora limitata rispetto al potenziale bacino di utenza. Infatti gli utenti degli asili nido sono passati dal 9,0% dei residenti tra zero e due anni dell'anno scolastico 2003/2004, all'11,3%. Meno di un terzo rispetto agli obiettivi di Lisbona, il cui termine è già scaduto;
nonostante questi dati allarmanti, negli ultimi anni sono stati tagliati drasticamente i fondi dedicati all'infanzia e all'adolescenza. E' rimasto solo il Fondo, ridotto anch'esso in modo significativo, che finanzia parzialmente la legge 28 agosto 1997, n. 285 (Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza);
secondo l’ultima indagine presentata dall’Istituto degli Innocenti di Firenze per conto del Ministero del lavoro e delle politiche sociali per il periodo giugno-ottobre 2009, l’analisi dello stato di attuazione della legge n. 285 del 1997 nelle 15 città riservatarie, mette in evidenza alcune tendenze omogenee nelle Città, caratterizzate tuttavia da diverse velocità. In tutte le città si segnala una forte riduzione nell’ultimo triennio delle risorse del Fondo destinate a progetti innovativi o sperimentali, a vantaggio di scelte finalizzate al consolidamento di servizi di base soggetti a restrizioni dovute a tagli della spesa sociale;
da questo studio emerge con evidenza la questione del gap tra Centro-Nord e Sud Italia in termini di accessibilità dei servizi e copertura del target nei servizi di cura alla prima infanzia e di spesa destinata alle politiche per i minori nelle diverse città. Se ad esempio consideriamo alcuni dati di bilancio, si osserva che mentre al minore residente a Reggio Calabria e Taranto viene destinata annualmente una somma che oscilla dai 27 ai 90 euro, al minore residente a Bologna, Milano, Firenze o Venezia vengono destinate somme che oscillano dai 679 euro ai 796 euro. Anche i dati tratti dall’Indagine Istat sulla spesa sociale dei comuni confermano queste tendenze. Le città di Reggio Calabria, Taranto, Brindisi e Palermo sono quelle in cui le politiche per l’infanzia dipendono in modo significativo, oltre il 18%, dall’erogazione del Fondo. Le città del Centro Nord hanno un tasso di dipendenza media molto inferiore e pari mediamente al 4,2%;
nella società della conoscenza e nell’epoca della globalizzazione lo sviluppo della persona umana è determinante e che sono da condividere le parole di Giuseppe Laganà della CARITAS, sul fatto che la centralità della persona umana implichi “diritti inalienabili riconosciuti dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e dalla Costituzione italiana”;
tali diritti non possono “ trasformarsi in una concezione benevola” ma che anzi “ nel tentativo di ripensamento e riorganizzazione del welfare, rimane centrale il ruolo delle istituzioni pubbliche, garanti della titolarità dei diritti e deputate al reperimento non occasionale delle risorse economiche, strutturali e organizzative, che in un orizzonte ampio di efficacia delle decisioni prese, valorizzi l’apporto del privato sociale e delle comunità locali, in un rapporto necessariamente asimmetrico, in cui la collaborazione non può significare sostituzione”;
questo rapporto tra i diritti dell’infanzia e l’adolescenza e il ruolo delle istituzioni pubbliche centrali, non lede in alcun modo il ruolo del privato sociale e della comunità locale, né tantomeno rende meno incisiva la sussidiarietà. All’opposto consente al privato sociale, alle comunità locali e alla sussidiarietà, di sviluppare maggiormente il proprio ruolo e la propria dimensione, in un contesto certo di regole, strumenti, responsabilità e risorse;
la questione delle risorse non può essere pensata come qualcosa di aggiuntivo o indifferente e che un piano definito programmatico non può prescindere dalle risorse perchè possa essere uno strumento concreto per l’attuazione della CRC, della Costituzione e delle Direttive europee;
sono molti i nodi critici e le emergenze del sistema italiano nella promozioni e tutela dei diritti delle persone minori di età. Infatti l'attuale normativa è incoerente, lacunosa e non risponde alle trasformazioni intervenute nelle relazioni familiari e nei diritti delle persone minori di età;
sono numerose le priorità su cui intervenire: le discriminazioni che riguardano i bambini nati fuori del matrimonio, i bambini testimoni di violenza, i bambini contesi e quelli migranti o figli di migranti;
il sistema giuridico italiano delle relazioni familiari non risponde più alla domanda di giustizia che una società complessa e profondamente modificata richiede. Di fronte alla trasformazione delle relazioni familiari, emerge la necessità della tutela dei diritti dei soggetti vulnerabili, in sintonia con l’evolversi del pensiero giuridico europeo, che pone i diritti fondamentali delle persone al centro del sistema;
è quindi un'assoluta priorità arrivare ad uno Statuto dei diritti della persona minore di età, che rivisiti il sistema delle relazioni familiari e sociali, ponendo al centro del sistema normativo il criterio del superiore interesse delle persone minori di età, che svincoli il ruolo genitoriale dal concetto di potestà, approdando a quello di responsabilità genitoriale, secondo le indicazioni europee;
è urgente una riforma processuale che introduca il giusto processo civile minorile, che integri il rito camerale e tenga presente le caratteristiche della giurisdizione civile minorile che differisce da quella civile, perché non è giurisdizione solo di torti e ragioni, ma mira alla ricostruzione delle relazioni familiari su piani giuridici diversi, in funzione dei figli;
occorre una riforma di sistema, con alcune caratteristiche già individuate a livello europeo, la prima della quale è che il giudice deve essere specializzato con la previsione dell'esclusività delle competenze e una riforma processuale che ponga la centralità della persona minore di età come parte processuale;
è matura ormai e non più rinviabile anche una riflessione sui temi legati all'adozione e all'affidamento e che le stesse comunità di tipo familiare devono poter avere risorse certe e criteri definiti del loro ruolo;
le associazioni e l'insieme delle professioni che lavorano per il benessere dei bambini e degli adolescenti, vanno riconosciute nel loro insostituibile ruolo, anche per affermare l'idea di una comunità educativa che operi per l'inclusione di tutti i bambini;
sono ancora tante le contraddizioni che attraversano la nostra società e che impediscono di superare la povertà minorile, lo sfruttamento di tanti bambini e bambine, l'abbandono scolastico e il lavoro minorile, la tratta, l'accattonaggio, l'uso dei bambini soldato, l'uso dei bambini come risorsa per gli adulti e la mancanza di amore che tanti bambini sperimentano;
impegna il Governo:
a definire un disegno di legge quadro sull'infanzia e sull’adolescenza, finanziata con un Fondo che aumenti progressivamente rispetto al PIL e che ridefinisca con rigore la riunificazione delle competenze e dell'azione di coordinamento e di monitoraggio. Questa legge dovrà contenere inoltre lo Statuto dei diritti delle persone minori di età, i livelli essenziali delle prestazioni sociali dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, la riforma della giustizia minorile e l'assunzione delle numerose proposte di legge sul tema;
a promuovere l'istituzione presso la Conferenza Stato-Regioni, come raccomandato dal Comitato ONU nelle osservazioni conclusive indirizzate al nostro Paese nel 2011, un gruppo di lavoro per il coordinamento delle politiche riguardanti i diritti dei minori e l’applicazione coerente dei principi della Convenzione ONU, anche alla luce della mancata definizione da parte del governo dei livelli essenziali delle prestazioni sociali prevista- ma mai realizzata- dalla legge n. 328 del 2000;
a prevedere un efficace supporto all'attività del Parlamento ed, in particolare, della Commissione parlamentare per l'infanzia, sulle specifiche politiche per l'infanzia e l'adolescenza, nonché a promuovere un coordinamento con le altre istituzioni al fine di evitare la frammentazione delle responsabilità, anche in ragione del fatto che il rispetto e l’applicazione dei principi fissati dalla Convenzione ONU fanno capo al governo;
ad assumere iniziative per stanziare risorse adeguate per sostenere il 3° piano d'azione per l'infanzia;
ad individuare e ad allocare risorse per finanziare progetti di sostegno ed incentivazione allo studio da rivolgere ai ragazzi che si trovano in situazioni familiari a rischio di esclusione sociale;
a prevedere organici e risorse certe per garantire il servizio scolastico in ospedale ai bambini e adolescenti che per motivi di salute non possono frequentare la scuola, prevedendo un'organizzazione adeguata anche per l'istruzione domiciliare;
a promuovere un sistema di accoglienza per i minori stranieri non accompagnati, strutturato e non emergenziale, finanziato con uno specifico fondo pluriennale, che tenga conto della disponibilità di posti in accoglienza su tutto il territorio nazionale e che sia collegato a meccanismi di monitoraggio degli standard di accoglienza;
a predisporre proposte per una agevole concessione del permesso di soggiorno alla scadenza della maggiore età e per la concessione della cittadinanza;
ad assumere con urgenza le iniziative di competenza per la piena attuazione della Convenzione europea di Strasburgo sull'esercizio dei diritti dei bambini, intervenendo sulle modalità di ascolto dei minori nei procedimenti, non solo giudiziari ma anche amministrativi, affinché essi possano far sentire la loro voce ed essere considerati non oggetto del contendere ma soggetti di una situazione di vita che li coinvolge;
ad incrementare i servizi per l'infanzia e quelli per l'adolescenza, anche attraverso la diffusione di centri per la valorizzazione della creatività giovanile e l'attivazione di consultori per la prevenzione dell'anoressia e bulimia e del disagio psichico;
a prevedere una riorganizzazione delle procedure e dei servizi, anche all'estero, per l'adozione e l'affidamento, nonché il numero e il ruolo degli enti autorizzati. Le stesse comunità di tipo familiare devono poter avere risorse certe e criteri definiti della loro funzione;
ad assumere iniziative per colmare le lacune processuali in tema di procedimento civile di famiglia e minorile, in funzione del superiore interesse del minore e a prevedere Linee Guida per le forze dell’ordine e per tutti i soggetti interessati nell’esecuzione dei provvedimenti di allontanamento di un figlio minore di età dalla situazione familiare nella quale si trova;
ad applicare pienamente la Convenzione di Lanzarote, appena ratificata, assumendo le linee guida dell'OMS per la prevenzione e la cura dell'abuso delle persone minori di età;
ad adottare adeguate iniziative affinché il Garante per l'infanzia e l'adolescenza possa svolgere compiutamente la propria azione nella migliore delle condizioni possibili.



ANNA MARIA SERAFINI, FINOCCHIARO, AMATI, ANTEZZA, BASSOLI, BASTICO, BIONDELLI, DONAGGIO, GHEDINI, GRANAIOLA, INCOSTANTE


tag
infanzia  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7