gwcached,7 gwcached,7
Commissione Antimafia - Interrogazioni
12 novembre 2012

Aggressione Melito - interrogazione urgente

Carloni: Governo riferisca in Parlamento e assicuri controllo più incisivo su territorio

Subito iniziative per riaffermare nei territori soggetti alla influenza della criminalità organizzata la presenza dello Stato a tutela dei cittadini

Con una interrogazione urgente al Ministro dell'Interno Cancellieri, la senatrice del Pd Anna Maria Carloni ha chiesto, insieme a Franca Chiaromente e ad altri parlamentari del Pd, di riferire in Parlamento in merito agli "ultimi gravi fatti di intimidazione e violenza camorristica che insistono contro gli amministratori del comune di Melito, impegnati in una decisa azione a garanzia della legalità." "L'aggressione del consigliere comunale del PD di Melito , Carmine Ciro Marano, selvaggiamente picchiato da più persone a volto coperto armate di spranghe, e le continue e pericolose minacce al sindaco Venanzio Carpentieri, eseguite da personaggi poco raccomandabili e su mandato politico - così come abbiamo segnalato nell'atto di sindacato ispettivo depositato il 25 settembre scorso - mostrano l'evidente obiettivo criminale di creare condizioni di inagibilità democratica e interrompere l'opera di riscatto di questa comunità civica. Per questo chiediamo al ministro in indirizzo di indicare quale sia la consistenza delle forze in campo tra Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di finanza impegnate sul territorio di Melito e nei territori limitrofi dell'area a nord di Napoli tra i più aggrediti dalla criminalità organizzata e quali valutazioni stiano emergendo dalle indagini incorso sui fatti in oggetto". "Nei giorni scorsi, la vicepresidente della Camera dei Deputati on. Rosi Bindi, partecipando a Melito ad una assemblea con la cittadinanza, ha invitato, tra l'altro, a riflettere circa i possibili collegamenti tra questo ultimo atto di inaudita violenza e l' attività dell'amministrazione guidata dal giovane e bravo Venanzio Carpentieri , sul fronte della legalità" . "Chiediamo pertanto al governo - ha concluso Carloni - se non ritenga necessaria una più incisiva azione di contrasto della criminalità con una maggiore presenza delle forze dell'ordine, in numero tale da assicurare il controllo del territorio nonché un maggiore impulso alle indagini, innanzitutto per individuare tempestivamente e assicurare alla giustizia gli autori materiali di questa violenta aggressione".

Segue testo interrogazione

Al ministro degli interni

Premesso che
Ancora una volta fatti di inaudita violenza e gravi atti di intimidazione ai danni di amministratori del centro sinistra del comune di Melito(Napoli) riportano all'attenzione la situazione di emergenza per la sicurezza a causa della criminalità organizzata nel territorio della Campania ed in particolare nell'area a nord di Napoli .
Nella tarda serata del 7novembre scorso, il consigliere comunale del PD di Melito , Carmine Ciro Marano e' stato aggredito e selvaggiamente picchiato da più persone a volto coperto arnate di spranghe ,riportando un trauma cranico facciale e molte altre gravi lesioni.
Nello stesso comune il sindaco Venanzio Carpentieri , aveva recentemente ritirato le sue dimissioni precedentemente annunciate in seguito " a preoccupanti minacce eseguite da personaggi poco raccomandabili e su mandato politico" ,così come anche si evince dall'atto di sindacato ispettivo (Senato n.4 -08252) depositato il 25 settembre scorso dai senatori del PD Armato , Carloni, Incostante ed altri.
Lo scorso sabato 9 novembre, la vicepresidente della Camera dei Deputati on. Rosi Bindi intervenendo nel corso di una affollata assemblea con la cittadinanza , tenuta nella Casa comunale di Melito alla presenza del sindaco, dei consiglieri comunali e altri rappresentati delle istituzioni ha invitato tra l'altro a riflettere circa i possibili collegamenti tra questo ultimo atto di inaudita violenza e l' attività dell'amministrazione guidata dal giovane e bravo Venanzio Carpentieri , sul fronte della legalità .
Il sindaco in una recente intervista ad un quotidiano locale ha dichiarato che sembrerebbe plausibile il collegamento tra questo ultimo gravissimo atto di violenza intimidatoria con taluni recenti atti amministrativi deliberati della maggioranza di centro sinistra che nell'ultimo consiglio comunale ha portato all'approvazione la delibera sulla stazione unica appaltante con trasferimento alla prefettura dell'affidamento degli appalti comunali.
Si chiede di sapere:
Se il ministro sia a conoscenza degli ultimi gravi fatti di intimidazione e violenza camorristica che insistono contro gli amministratori del comune di Melito impegnati in una decisa azione a garanzia della legalita' con l'evidente obiettivo criminale di creare condizioni di inagibilita' democratica e interrompere l'opera di riscatto di questa comunità civica .
Quale sia la consistenza delle forze in campo tra Polizia di Stato , Carabinieri e Guardia di finanza impegnate sul territorio di Melito e nei territori limitrofi dell'area a nord di Napoli tra i piu aggrediti dalla criminalita' organizzata e quali valutazioni stiano emergendo dalle indagini incorso sui fatti in oggetto.
Se il ministro in indirizzo non ritenga che per una piu incisiva azione di contrasto della criminalita' sia necessaria una maggiore presenza delle forze dell'ordine in numero tale da assicurare il controllo del territorio nonché un maggiore impulso alle indagini innanzitutto per individuare tempestivamente e assicurare alla giustizia gli autori materiali di questa violenta aggressione.
Quali iniziative si i intendano adottare per riaffermare nei territori soggetti alla influenza della criminalità organizzata la presenza dello stato a tutela dei cittadini


tag
camorra  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7