gwcached,7 gwcached,7
Commissione Antimafia - Interrogazioni
12 ottobre 2012

criminalità - interrogazione

Armato: Tutelare azienda e lavoratori Guglielmo da pressioni criminali

"Predisporre urgenti misure di sicurezza per garantire la salvaguardia e la sicurezza dell'Azienda Guglielmo di Catanzaro, un importante sito produttivo tra i più antichi della Calabria, leader nel settore della torrefazione, che è stato interessato da allarmanti episodi intimidatori, come segnalato anche da recenti articoli di stampa quotidiana." Lo chiede la senatrice del Pd Teresa Armato della Commissione Antimafia, che sulla vicenda ha interrogato il Ministro dell'Interno Cancellieri. Armato fa presente che "lo scorso mese di settembre, all'interno dello stabilimento di Copanello, sono stati bruciati due camion aziendali. Tali avvenimenti, che riportano nuovamente all'attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni la grave emergenza della criminalità organizzata, hanno destato la forte preoccupazione degli operai che da anni lavorano nello stabilimento calabrese e che hanno deciso di reagire in prima persona difendendo la loro azienda dagli attacchi della mafia locale." "Siamo pertanto vicini ai lavoratori che hanno organizzato nuovi turni di lavoro, per poter vigilare sullo stabilimento Guglielmo e impedire che si verifichino nuovi ed analoghi episodi" e chiediamo al ministro Cancellieri di "procedere ad un'accurata indagine al fine di appurare se l'episodio segnalato sia riferibile a pressioni criminali di stampo mafioso".
Segue testo interrogazione

- Al Ministro dell'Interno.
Premesso che:
l'azienda Guglielmo, leader nel settore della torrefazione e tra le più antiche industrie della Calabria, è stata interessata da allarmanti episodi intimidatori, come segnalato anche da recenti articoli di stampa quotidiana;
lo scorso mese di settembre, infatti, all'interno dello stabilimento di Copanello (Ct), sono stati bruciati due camion aziendali;
questi avvenimenti, che riportano nuovamente all'attenzione dell'opinione pubblica e delle istituzioni la grave emergenza della criminalità organizzata, hanno destato la forte preoccupazione degli operai che da anni lavorano nello stabilimento calabrese e che hanno deciso di reagire in prima persona difendendo la loro azienda dagli attacchi della mafia locale;
i lavoratori dell'azienda hanno, infatti, organizzato nuovi turni per poter vigilare 24 ore di seguito sullo stabilimento in modo da impedire che si verifichino nuovi ed analoghi episodi;
secondo le notizie riportate dalla stampa quotidiana, sulla vicenda sarebbero in corso anche indagini da parte della magistratura;
si chiede di sapere se il Ministro in indirizzo:
sia a conoscenza dei fatti di cui in premessa;
se non ritenga di dover predisporre urgenti misure di sicurezza per garantire la salvaguardia e la sicurezza di un importante sito produttivo e dei suoi lavoratori;
se intenda procedere ad un'accurata indagine al fine di appurare se l'episodio segnalato in premessa sia riferibile a pressioni criminali di stampo mafioso.




tag
criminalità  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7