gwcached,7 gwcached,7
Commissione 02 - Giustizia - Interrogazioni
11 ottobre 2012

Bimbo padova

Senatori Pd presentano interrogazione

In un'interrogazione al ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri e a quello della Giustizia Paola Severino, le senatrici del PD, prime firmatarie Anna Serafini e Anna Finocchiaro, chiedono conto di quanto avvenuto oggi a Cittadella dove Leonardo, 10 anni, prelevato con la forza a scuola da agenti in borghese per essere condotto in una casa famiglia, una scena che, si legge nel testo presentato a Palazzo Madama, "è stata davvero raccapricciante".
"Non e' accettabile l'esecuzione di un atto giudiziario in modo così violento e plateale" scrivono le senatrici democratiche nell'interrogazione che chiedono anche ai ministri "quali provvedimenti intendano adottare, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, affinché fatti così gravi non si ripetano e per tutelare sempre e ovunque i diritti dei bambini e il supremo interesse del minore".

Segue testo interrogazione

Al Ministro della Giustizia
Premesso che:
sta suscitando clamore e indignazione il caso di un bambino di 10 anni, Leonardo, che è stato allontanato dalla madre su provvedimento della Corte d'Appello-Sezione minori del Tribunale di Venezia: il piccolo è stato prelevato nella mattina del 10 ottobre scorso con la forza da agenti in borghese presso la sua scuola elementare di Cittadella, in provincia di Padova, per essere condotto in una casa famiglia;
la scena che si è presentata di fronte alla scuola elementare, ripresa anche in un video da una parente del minore, è stata davvero raccapricciante;
considerato che:
non e' accettabile l'esecuzione di un atto giudiziario in modo così violento e plateale;
viste
le modalita' con cui le forze dell'ordine hanno eseguito l'ordinanza messa dalla sezione Minori della Corte d'Appello di Venezia";
considerati con preoccupazione
i possibili devastanti effetti psicologici e familiari a danno del minore 'catturato' davanti ai suoi compagni di scuola;
si chiede ai Ministri in indirizzo:
di voler fornire con la massima urgenza ogni chiarimento in ordine al triste e avvilente episodio riportato in premessa;
se non ritengano di doversi attivare per individuare e sanzionare ogni eventuale responsabilità degli operatori coinvolti in tale vicenda;
quali provvedimenti intendano adottare per evitare ulteriori traumi al bambino;
se e quali provvedimenti intendano adottare, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, affinché fatti così gravi non si ripetano e per tutelare sempre e ovunque i diritti dei bambini e il supremo interesse del minore.

SERAFINI, FINOCCHIARO, AMATI, PINOTTI, ANTEZZA BASSOLI, DONAGGIO, GRANAIOLA, BIONDELLI


tag
padova   infanzia   polizia  
condividi
gwcached,7
gwcached,7
gwcached,7