Seguici su Facebook e Twitter    
3 agosto 2012  
Combattere l'illegalità e fare le riforme, anche così si favorisce lo sviluppo
di Luigi Zanda


Con l'approvazione del decreto sviluppo è stato fatto un passo importante, ma è necessario sapere che non esistono ricette magiche in grado di determinare il risveglio istantaneo di una economia stagnante: la crescita e lo sviluppo non si fanno per decreto. Ma è un altro tassello, importante, del processo di salvataggio dell'Italia ed è con questo metro che lo dobbiamo valutare. Questo è uno dei pochi provvedimenti dotati della concretezza operativa necessaria per mobilitare risorse, rimuovere ostacoli, favorire le condizioni della ripresa.
Ora occorre concentrarsi su uno degli ostacoli più seri allo sviluppo della nostra economia, il più difficile da rimuovere ma nello stesso tempo il più urgente; l'immensa cifra dell'economia illegale, mafiosa e sommersa che ammonta a 500 miliardi di euro annui. 500 miliardi di economia illegale, mafiosa e sommersa pesano sulle nostre aspettative di crescita e sviluppo molto, molto di più dei 2.000 miliardi del debito pubblico. Allora il Governo utilizzi tutti gli strumenti che il nostro ordinamento gli offre anche per far approvare in tempi rapidissimi il provvedimento anticorruzione che vaga da anni in Parlamento. Una buona legge anticorruzione sarebbe il modo migliore e più efficace per promuovere lo sviluppo della nostra economia.
Nei mesi scorsi il Parlamento ha perso la grande occasione di fare le riforme. Tutti sappiamo come, perché e per responsabilità di chi. Adesso l'intera Italia, a cominciare dal Presidente della Repubblica, ci chiede di togliere di mezzo il 'porcellum'. Se vogliamo sinceramente contribuire con il nostro lavoro parlamentare alla crescita e allo sviluppo del nostro Paese facciamolo e approviamo presto, a larghissima maggioranza, una nuova legge elettorale che garantisca la governabilità e restituisca ai cittadini il diritto di scegliere il loro parlamentare.


In primo piano

TERREMOTO

- Barbolini: "Risorse utili, nel rispetto delle regole, per aiutare popolazioni ferite"
- Finocchiaro: "Grazie a sollecitazioni del Pd ottenuti importanti impegni da parte del governo"
- Ghedini: "Tre provvedimenti importanti in favore delle popolazioni colpite"
- Soliani: "Scuola, beni culturali e ricerca priorità nel decreto"
- Bertuzzi: "Bene misure approvate. Ora necessaria legge speciale"


ILVA

- Latorre: "Emergenza Taranto è caso nazionale. Ora l'azienda assolva alle prescrizioni"
- Pinotti: "No allo spegnimento dell'altoforno"
- Della Seta, Ferrante: "La via stretta"
- Ichino: "Lavoro o salute? Il bilanciamento spetta alla politica"

LEGGE ELETTORALE
- Zanda: "Da principali partiti volontà costruttiva"
- Finocchiaro: "Bene Napolitano, riforma è necessaria ma serve la più ampia convergenza"
- Presentata bozza Bianco: "Riforma meno lontana, possibile "miracolo laico"


DECRETO SVILUPPO

- Fioroni: "E' buon inizio, ma c'è ancora da fare"
- Armato: "Priorità sud e turismo. Dl sviluppo è un buon avvio per il sistema economico-produttivo"
- Tomaselli: "Ok odg su strategia energetica"


SPENDING REVIEW

- Morando: "Il sì del Pd, la direzione è quella giusta"
- Barbolini: "Direzione giusta ma si poteva fare di più
- Pegorer: "Un primo passo nella giusta direzione"
- Sanna: "Su convenzioni Stato avrà obbligo di ascoltare Regioni"
- Bassoli: "Su sanità luci ed ombre"
- Nerozzi: "Per gli esodati il problema resta aperto"
- Bubbico: "Dati geospaziali ora più "liberi"
- Adragna: "Su Covip è prevalso il buonsenso"
- Bastico: "Ancora una volta è scuola a pagare di più"
- Rusconi: "Per fuoricorso evitata legge della giungla"

In Senato questa settimana

Approvati i decreti sulla spending review e sugli eventi sismici in Emilia .

L'aula ha deliberato sul ddl istitutivo dell'Assemblea per riforma Costituzione e si è svolta l'informativa del Ministro dell'ambiente sull'ILVA di Taranto.

Approvato il bilancio interno e rendiconto del Senato.
- Mercatali: "Grazie anche a PD Senato risparmia 21 milioni per il 2012"
Stradiotto: Da Palazzo Madama risparmi seri e concreti nel rispetto delle istituzioni

Varato il decreto sulla sanità
- Cosentino: "Ok ma necessario rivedere obblighi assicurativi e intramoenia"
Ignazio Marino: Legge disattesa da 15 anni, proroga è errore


Approvato anche il dl sulla crescita e lo sviluppo.

In Senato la prossima settimana

Buone vacanze e ci rivediamo a settembre