Seguici su Facebook e Twitter    
27 luglio 2012  
Non si faccia fare alla legge elettorale
la stessa fine delle riforme costituzionali
di Anna Finocchiaro

Esisteva un testo di riforma costituzionale concordato tra tutte le forze politiche che sostengono il Governo Monti. Si trattava di un testo che riduce il numero dei parlamentari, che tiene in gran conto il ruolo delle autonomie, che affievolisce il bicameralismo perfetto dando al Senato il ruolo prioritario di Camera per le materie di legislazione concorrente, che introduce la sfiducia costruttiva a fini di governabilità, che aumenta i poteri del Premier.
Con la presentazione dell'emendamento sul semipresidenzialismo e il patto tra Pdl e Lega tutto è stato travolto, a cominciare dalla riduzione del numero dei parlamentari.
Il Pdl ha tradito un patto perchè a questo partito non interessava avere una riforma costituzionale, ma solo una bandiera, quella del presidenzialismo, da sventolare in campagna elettorale. Siamo molto preoccupati perchè quella riforma elettorale indispensabile all'Italia e che riteniamo il Senato debba varare entro pochi giorni corre lo stesso rischio: di non essere approvata a causa dell'inaffidabilità del Pdl.

In primo piano

RIFORME
- Zanda: "Pdl e Lega non hanno nemmeno i numeri"
- Ceccanti: "Si finirà per tornare al modello ispano-tedesco"
- Latorre: "Elezioni anticipate sbagliate le chiede chi non vuole cambiare legge elettorale"
- Chiti: "Appello al Pdl: Basta blitz, possiamo ancora fare una buona legge elettorale"
- Senatrici Pd: "Rendere effettivo parità ad accesso a cariche elettive"
- Donaggio: "La battaglia sacrosanta delle donne"
- Monaco: "Difendo il premio di coalizione"


REVISIONE DELLA SPESA PUBBLICA
- Finocchiaro: "Pd sta lavorando per ampliare platea esodati"
- Giaretta: "Grazie a insistenza PD no taglio alla ricerca" - "Lo Stato può ancora "dimagrire"
- Legnini: "Corretto errore Lega su tetto stipendi manager"
- Rusconi: "Grazie al Pd restituiti i fondi sulla ricerca"
- Antezza: "Ok a odg per piena autonomia a Corpo nazionale VVF e per eliminare doppio vertice"
- Vita: "Salvi Centro sperimentale e Discoteca e Cineteca nazionale"
- Fioroni: "Collaborazione tra agenti assicurativi importante per competitività"
- Chiti: "Comuni, tagli lineari insopportabili"


In Senato questa settimana

Approvata la riforma costituzionale del Parlamento e della forma di governo.
In discussione i decreti sulla spending review e sulle dismissioni del patrimonio pubblico.



In Senato la prossima settimana

In calendario i decreti sugli eventi sismici in Emilia, sulla proroga dei termini in materia sanitaria, sulla crescita e lo sviluppo e la ratifica di accordi internazionali.